Obsolescenza programmata, beni progettati per “scadere”

L’obsolescenza programmata è linfa vitale per il mercato e nota dolente per i consumatori. Tutto quello che c’è da sapere.

Elettrodomestici, automobili, utensili, apparecchi tecnologici: tutto ciò che si compra ha una data di scadenza (non sovraimpressa come avviene per i generi alimentari, ma implicita: secondo alcuni coinciderebbe addirittura con la fine del periodo coperto dalla garanzia).

Obsolescenza programmata
Obsolescenza programmata, una delle cause del cambiamento climatico – magazine.liquida.it

È solo questione di tempo: prima o poi l’oggetto si guasterà irreparabilmente e andrà sostituito con uno nuovo. Altrimenti il mercato morirebbe. Oppure l’apparecchio può non rompersi, ma risultare comunque obsoleto, vecchio, superato. Un pc o un telefono cellulare di dieci anni fa, seppur funzionante, è considerato “preistorico” e il proprietario si sente fortemente spinto a sostituirli con nuovi modelli.

L’obsolescenza programmata permette, quindi, di commericalizzare solo ciò che è stato progettato per smettere di funzionare o cadere in disuso. Eventuali riparazioni di un oggetto guasto risultano, la maggior parte delle volte, talmente costose da dissuadere il cliente, che finisce per acquistare un sostituto nuovo di zecca. Tutto ciò va a produrre una quantità disarmante di rifiuti: ogni anno si accumulano tonnellate di frigoriferi, automobili, televisori, etc. etc. da smaltire. Non è raro che una giovane coppia si trovi a dover sostituire una lavatrice in una manciata di anni, mentre i nonni di questa giovane coppia hanno ancora in casa un frigorifero perfettamente funzionante, comprato alcuni decenni orsono.

E così che nacque (anche) il cambiamento climatico

Poca Cola riporta l’esempio delle lampadine alogene, le lampade a incandescenza che erano praticamente perfette e programmate per essere eterne, quindi non funzionali al mercato. Allora, dopo qualche ricerca “scientifica” si è riusciti a ottenere quanto il mercato richiede: anche le alogene dopo un po’ si fulminano, si bruciano e vanno sostituite. Altri esempi riportati nel blog sono quello delle automobili, quello dei frigoriferi e del mondo dell’informatica: bisogna comprare consavopevoli che dopo un paio di anni sarà necessario cambiarli. Oltre che un danno per le nostre tasche, ne risente l’ambiente. E così nacque (anche) il cambiamento climatico.

Impostazioni privacy